Quaderni di sociologia

Quaderni di sociologia
ISSN: 0033-4952

Quaderni di sociologia

Rivista diretta da Paolo Ceri e Paola Borgna, che dal 1951 racconta ininterrottamente le crisi e gli sviluppi, i mutamenti e le trasformazioni della società italiana attraverso la riflessione critica documentata sui temi, persistenti e nuovi, che si impongono alla coscienza civile.

Acquista

La sociologia - per citare Fernand Braudel - è "l'unica disciplina a condividere con la storia il privilegio di essere una scienza globale della società". Una disciplina capace di riflettere - con spirito critico- sui grandi temi, sulla scorta di analisi metodologicamente rigorose e teoricamente orientate, sui processi e le strutture di una società che cambia. I Quaderni di Sociologia - diretti dal 1968 al 2015 da Luciano Gallino, tra i più autorevoli sociologi contemporanei - raccontano ininterrottamente dal 1951 le crisi e gli sviluppi, i mutamenti e le trasformazioni della società italiana. Si fanno artefici di una riflessione critica documentata sui temi, persistenti e nuovi, che si impongono alla coscienza civile: dalle politiche dell'istruzione e dell'ambiente ai movimenti sociali, dalla comunicazione politica ai rapporti tra innovazione tecnologica, formazione e occupazione, dagli interventi di peacekeeping delle forze armate italiane alle "calciopolitiche", sino all'universo di Internet.


Nota del Comitato editoriale (novembre 2015)
Con la scomparsa di Luciano Gallino (1927-2015) la sociologia italiana perde uno degli artefici della sua rinascita post-bellica e del suo sviluppo fino ad oggi. Il rigore intellettuale senza compromessi unito all’impegno civile senza cedimenti sono la cifra di una vita spesa per la sociologia e, attraverso di essa, per la società italiana. Mosso dalla convinzione che la conoscenza sia la leva decisiva per la modernizzazione e l’umanizzazione della società, egli resta un esempio coerente e incisivo come pochi del lavoro intellettuale come professione. La conoscenza è qui intesa e praticata come un esercizio critico della razionalità che, attraverso la ricerca empirica teoricamente orientata, disvela i processi profondi alla base del funzionamento reale della società, oltre e contro ogni apparenza e manipolazione. La chiarezza di linguaggio con cui – negli scritti, nell’insegnamento, sulla stampa – ha reso comprensibile il suo pensiero e le sue scoperte è il frutto di una rara probità intellettuale, nella quale la metodica finezza analitica che lo distingue è messa al servizio della rilevanza dei problemi indagati e della loro possibile soluzione.
Assieme alla produzione scientifica – sulla cui profondità, versatilità e ampiezza si tornerà a riflettere – quelle indicate sono le qualità che la sociologia italiana riceve da Gallino come lascito intellettuale e morale per il suo futuro.
I «Quaderni di Sociologia», dei quali Gallino è stato redattore dal 1962 e Direttore dal 1968, sono stati profondamente influenzati dallo stile della sua conduzione. I redattori che si sono succeduti nel tempo hanno trovato in questa rivista una palestra nella quale esercitare un autentico pluralismo, di là dalla diversità degli orientamenti culturali e delle sensibilità ideologiche. In tal modo, riteniamo, i QdS hanno contribuito a rappresentare sul piano della teoria e della ricerca la migliore produzione italiana, dedicando un impegno crescente a indagare le trasformazioni problematiche della nostra società in un contesto globale.
In un mondo come l’attuale, che, accanto alle aperture e all’innovazione, vede crescere chiusure e intolleranze, i «Quaderni» si impegnano a mantenere questa impostazione di fondo, secondo l’insegnamento e l’esempio di Luciano Gallino.

comitato editoriale
Maria Carmela Agodi, Alberto Baldissera, Paola Borgna, Leonardo Cannavò, Paolo Ceri, Francesco Chiarello, Antonio M. Chiesi, Mario Diani, Pietro Fantozzi, Marcello Fedele, † Luciano Gallino, Franco Garelli, Giancarlo Gasperoni, Giorgio Grossi, Alberto Marradi, Alfredo Milanaccio, Mauro Palumbo, Alessandro Pizzorno, Francesco Raniolo, Enzo Rutigliano, Sergio Scamuzzi.

direttore: Paolo Ceri
condirettore: Paola Borgna
responsabile del sistema di valutazione: Alberto Baldissera

Per informazioni e lavori proposti per la stampa indirizzare a Paola Borgna, Dipartimento di Filosofia e Scienze dell’Educazione, via Gaudenzio Ferrari 9-11, 10124 Torino Questa rivista sottopone tutti i manoscritti ricevuti a valutazione paritaria.

Avvertenze per gli autori


 La rivista «Quaderni di Sociologia» pubblica solo testi inediti. La presentazione di un testo alla rivista equivale a una dichiarazione da parte degli autori che il medesimo non è  stato pubblicato in precedenza.


La rivista pubblica testi in italiano e in inglese.


I testi ricevuti sono valutati anzitutto dalla Direzione della rivista; sottoposti poi a valutazione paritaria (due referees anonimi). La rivista dispone di un sito per l’attività dei referees (http://www.qds.unito.it/home.asp). La rivista si impegna a trasmettere agli autori l’esito della valutazione entro quattro mesi dal ricevimento del testo.


I testi proposti per la pubblicazione devono essere inviati all’indirizzo paola.borgna@unito.it, in formato Microsoft Word (o altro software comunemente in uso) e pdf.  Nome, afferenza istituzionale, indirizzo, recapiti telefonici e di posta elettronica dell’autore (o degli autori) devono essere chiaramente indicati.


Ai fini della valutazione paritaria, deve essere inviato anche un file da cui sia stato eliminato ogni riferimento che consenta di risalire all’identità dell’autore.


La Redazione prenderà in considerazione solamente i testi proposti per la pubblicazione che si conformino alle seguenti norme redazionali.


1) Degli articoli deve essere fornito un riassunto di circa 10 righe, scritto in inglese. Anche il titolo deve essere tradotto.


2) Il file deve contenere l’indicazione del numero totale di caratteri (spazi inclusi) di cui è composto. In generale, gli articoli destinati alle rubriche “la società contemporanea” e “teoria e ricerca” non devono superare i 50.000 caratteri (spazi inclusi), corrispondenti a 25 cartelle da 2000 battute; quelli per le rubriche “il documento”, “controversie sociologiche” e “note e testimonianze” i 18.000 caratteri (spazi inclusi).


3) Le note relative a ciascun articolo devono essere inserite a piè di pagina.


4) Figure, tabelle e grafici  devono essere inviati in files separati, in formato sorgente modificabile. Nel testo deve risultare chiaro il punto in cui si desidera che vengano inseriti. I files immagine devono avere le seguenti caratteristiche minime: definizione 300 dpi, formato .jpg .eps o .tiff, in scala di grigio (la rivista non è pubblicata a colori). In alternativa vanno forniti stampati su carta in uno stato che ne consenta la riproduzione tramite scanner.


5) I riferimenti bibliografici vanno inseriti direttamente nel testo, riportando soltanto il cognome dell’autore, l’anno di pubblicazione ed eventualmente le pagine a cui ci si riferisce, nel modo seguente: Simmel (1908); oppure (Simmel, 1908); oppure (Simmel, 1908, 225). Nel caso gli autori siano più di due, si può utilizzare l’abbreviazione et al.


Alla fine del testo i riferimenti bibliografici vanno elencati in ordine alfabetico secondo il cognome dell’autore e, per ciascun autore, nell’ordine cronologico di pubblicazione delle opere (per opere dello stesso autore pubblicate nello stesso anno, si usino le indicazioni a, b, c).


Nel caso di lavori a più autori, devono essere riportati i cognomi di tutti. Nel caso di un lavoro curato da un autore, va riportato il nome del curatore seguito dalla dizione (a cura di), anche per le edizioni in lingua straniera.


I riferimenti bibliografici vanno redatti secondo le regole desumibili dai seguenti esempi:


Parsons T. (1968), Il ruolo dell’identità nella teoria generale dell’azione, in Sciolla L. (a cura di) (1983), Identità. Percorsi di analisi in sociologia, Torino, Rosenberg & Sellier.


Id. (1978), Action Theory and the Human Condition, New York, Free Press.


Id. (1990), Prolegomeni a una teoria delle istituzioni sociali, Roma, Armando, 1995.


Parsons T., Fox R.C. e Lidz V.M. (1972), The «Gift of Life» and Its Reciprocation, «Social Research», XXXIX, 3, pp. 367-415.


Oltre ai titoli dei volumi, dei saggi e degli articoli, in corsivo vanno anche le voci di enciclopedie, i titoli delle leggi e gli atti dei congressi. In tondo tra virgolette a caporale (« ») vanno tutte le pubblicazioni periodiche (giornali compresi). I nomi di città sono indicati in lingua originale e, come negli esempi riportati, precedono  il nome dell’editore. Le parole nei titoli avranno l’iniziale maiuscola o minuscola in conformità all’originale.


6) Altre indicazioni e convenzioni di cui si raccomanda il rispetto.


–Paragrafi e sottoparagrafi devono essere numerati.


–Si raccomanda di limitare l’uso del corsivo e di non utilizzare il sottolineato né il neretto. L’uso del corsivo è riservato ai termini stranieri, salvo quelli entrati nell’uso comune; alle parole che si vogliono evidenziare; ai titoli dei volumi e degli articoli citati nel testo; ai titoli dei paragrafi (i sottoparagrafi vanno in tondo); ai titoli di figure, tabelle e grafici. I nomi di associazioni, istituzioni, ecc., anche se straniere, vanno in tondo e non in corsivo.


–Nel testo, nelle note e nei riferimenti bibliografici, evitare di scrivere il nome degli autori tutto in maiuscolo.


–Figure, tabelle e grafici vanno richiamati nel testo per esteso (es.: come si può vedere nel grafico 1) oppure in forma abbreviata tra parentesi (es.: è evidente (graf. 1) che…).


–Utilizzare virgolette a caporale per le citazioni da altri autori; virgolette inglesi (“ ”) per termini o espressioni usate in senso traslato, per analogia.


–Le sigle vanno in tondo alto e basso (es.: Usa, Oecd).


–Quando si rinvia alla stessa opera della nota precedente, si scrive ivi, seguito dall’indicazione della pagina (es.: ivi, 31); ibidem, se si rinvia non solo alla stessa opera, ma anche alla stessa pagina.


–Utilizzare p. e pp. in luogo di pag. e pagg; s. e ss. in luogo di seg. e segg.; cap. e capp.; fig. e figg.; vol. e voll.; n. e nn.; ecc.


7) In caso di accettazione per la pubblicazione, gli autori riceveranno con le bozze una liberatoria che restituiranno firmata insieme alle stesse.


8) Le bozze vanno restituite tassativamente entro la data indicata dalla casa editrice nella lettera di accompagnamento alle stesse. Il costo tipografico di eventuali correzioni d’autore (interventi che eccedono la correzione dei refusi) sarà addebitato all’autore. Tali interventi saranno effettuati previa sottoscrizione della relativa lettera di accordo.


9) Gli autori degli articoli riceveranno il file in formato pdf del numero della rivista in cui compare il loro saggio e  il file in formato pdf  dell’articolo a loro firma.


 I libri che si vogliono proporre per note critiche (sezione “note e testimonianze”) possono essere inviati a: prof.ssa Paola Borgna, «Quaderni di Sociologia», Dipartimento di Filosofia e Scienze dell’Educazione, via Gaudenzio Ferrari 9-11, 10124, Torino.

Cartaceo annata 2016 (LX)
n. 70
n. 71
n. 72

1
Italia € 70.00
Estero € 120.00
Cartaceo-digitale annata 2016 (LX)
n. 70
n. 71
n. 72

2
Italia € 90.00
Estero € 140.00
Digitale annata 2016 (LX)
n. 70
n. 71
n. 72

3
Italia € 40.00
Estero € 40.00