"Gentili lettori, viste le attuali disposizioni dovute all'emergenza sanitaria in corso, abbiamo ritenuto opportuno optare il più possibile per il telelavoro, riducendo all'essenziale il sistema di spedizioni interno.
Continueremo a offrirvi il servizio di spedizione, ma la consegna potrebbe subire ritardi rispetto al solito.
Vi chiediamo la cortesia di garantirci la vostra presenza a ricevere gli ordini anche per rispetto ai corrieri che in questo momento difficile continuano a svolgere il loro lavoro e, ove possibile, preferire l'acquisto dei formati digitali rispetto al cartaceo.
Certi della vostra comprensione vi auguriamo i nostri più sentiti saluti."

×
R&S
R&S
Login

Seguici sui nostri social

Eventi

Novità

STUDI FRANCESI 190

AA.VV.

Beyond the Refugee Crisis: Migrations and Religions in Europe

AA.VV.

Historia Magistra 31

AA.VV.

Smith Ricardo Marx Sraffa

Riccardo Bellofiore

Declinazioni del desiderio dello psicoanalista

Adele Succetti

Bridging traditions

Erica Onnis, Ouyang Xiao

Social

John Dewey
Filosofia sociale e politicaLezioni in Cina (1919-1920)
a cura di:
Federica Gregoratto

traduzione di:
Corrado Piroddi

collana: La critica sociale
anno di pubblicazione: 2017
cartaceo 232 pp

9788878855212 16,00 €
aggiungi al carrello (cod: 9788878855212)
pdf 7.5 MB

9788878855229 7,49 €
aggiungi al carrello (cod: 9788878855229)
epub 562.5 KB

9788878855236 7,49 €
aggiungi al carrello (cod: 9788878855236)
Le lezioni tenute da John Dewey a Pechino nel 1919-1920, presentate qui per la prima volta in forma completa al pubblico italiano, costituiscono un documento prezioso per gettare luce su uno degli aspetti più intricati e intriganti, ma ancora meno discussi, dell’opera del filosofo americano, ovvero la sua filosofia sociale. Nelle lezioni in Cina, Dewey delinea un nuovo tipo di filosofia (“terza filosofia”), in grado non solo di capire le trasformazioni del presente, ma anche e soprattutto di farvi fronte e provare a orientarle. Per dimostrarsi all’altezza di tale compito, filosofe e filosofi devono allora abbandonare il cielo delle astrazioni concettuali e calarsi nella fitta trama dei conflitti sociali, imparare a decifrare le prospettive dei gruppi subalterni e oppressi, superare sia il desiderio di conservare lo status quo sia l’impulso di creare un ordine socio-politico completamente nuovo. Alla luce di queste considerazioni, anche la teoria politica deweyana, in particolare la sua visione della democrazia, ne risulta rinnovata e arricchita.

Introduzione di Federica Gregoratto

I. La funzione della teoria
II. Scienza e filosofia sociale
III. Il conflitto sociale
IV. La riforma sociale
V. Criteri per giudicare i sistemi di pensiero
VI. Comunicazione e vita associata
VII. Economia e filosofia sociale
VIII. Individualismo classico e libertà d’impresa
IX. Socialismo
X. Lo stato
XI. Il governo
XII. Liberalismo politico
XIII. I diritti degli individui
XIV. Nazionalismo e internazionalismo
XV. L’autorità della scienza
XVI. La libertà intellettuale