R&S
R&S
Login

Seguici sui nostri social

Eventi

Novità

Il trono di sabbia

Giacomo Bottos, Francesco Rustichelli, Francesco Salesio Schiavi, Jacopo Scita, Gabriele Sirtori

La costruzione del nemico

Paolo Ceri, Alessandra Lorini

empirical evidence and philosophy

Petar Bojanić, Giuliano Torrengo, Samuele Iaquinto

Euro al capolinea?

Riccardo Bellofiore, Francesco Garibaldo, Mariana Mortágua

1979 rivoluzione in Iran

Nicola Pedde

Bibliothèques d’écrivains

Olivier Belin, Catherine Mayaux, Anne Verdure-Mary

Social

Guerre senza limitePsicoanalisi, trauma, legame sociale
a cura di:
Marie-Hélène Brousse

edizione italiana a cura di Paola Bolgiani
collana: Biblioteca di Attualità Lacaniana
anno di pubblicazione: 2017
cartaceo 320 pp

9788878855182 19,00 €
aggiungi al carrello (cod: 9788878855182)
pdf 5.2 MB

9788878855199 4,49 €
aggiungi al carrello (cod: 9788878855199)

Fin dai suoi esordi la psicoanalisi si è interessata ai conflitti e la sua storia è legata alle vicissitudini dell’impatto della guerra sui soggetti, nella forma specifica del trauma, nonché alla guerra come modalità del legame sociale.
Questo volume raccoglie i contributi di psicoanalisti che si interrogano su quello che la guerra può insegnare alla psicoanalisi e su cosa la psicoanalisi può dire su di essa, provando a decifrarne le coordinate, e sul posto che essa ha nel discorso, cioè nella civiltà.
La guerra infatti accompagna, e forse determina, lo sviluppo delle civiltà.Le sue forme si modificano e, oggi, essa appare nella forma del “senza limite”, conformemente alla modalità predominante nei nostri legami, configurando scenari inediti.
Gli effetti sui soggetti, oggi come ieri, e il modo con cui questi possono essere trattati, sono ciò di cui si occupano gli analisti, orientati da Freud e da Lacan, considerando il trauma un fatto singolare, che non si presta a soluzioni universali, né tantomeno standardizzabili.
Ma è compito degli psicoanalisti anche quello di delineare le coordinate fondamentali del nostro attuale “disagio della civiltà”, per poter contribuire alla lettura del posto che la guerra occupa nel nostro tempo, al di là di qualsiasi “facile ricetta” che si vorrebbe risolutiva.

Introduzione all’edizione italiana di Paola Bolgiani

Presentazione di Marie-Hélène Brousse

PRIMA PARTE. TRACCE DI GUERRA NELL’INCONSCIO. PAROLE ANALIZZANTI

1. Guerrieri e guerriere
La guerra del Kippur: frammenti di un’esperienza di comando di Gabriel Dahan
La guerra d’Algeria: fin nel cortile della ricreazione di Yasmina Picquart
Tre guerre di Hélène Bonnaud

2. Ferite ereditate
La Guerra di Spagna: l’esilio di Francis Ratier
La Guerra di Spagna: l’esilio interiore di Ángela González Delgado
Il reale traumatico della Shoah di Liora Goder

3. Psicoanalisti all’ascolto dei traumi di guerra
La guerra del Kippur: quaranta anni dopo di Mabel Graiver
Una missione in Siria di Caroline Leduc
Debiti di sangue di Bertrand Lahutte

4. Uscire dal trauma della guerra con la psicoanalisi
Una storia di famiglia al tempo del nazismo di Suzanne Hommel
Avere sette anni sotto la dittatura argentina di Laura Canedo
La stella gialla di Marie-Hélène Blancard
Nelle fauci della guerra: lacerazioni di Guy Briole

5. Uscire dal trauma della guerra attraverso la scrittura
Aharon Appelfeld: trovare la parola giusta di Sarah Abitbol
L’uomo Kertész nel secolo di Auschwitz di Nathalie Georges-Lambrichs
Paul Celan: la guerra nella poesia di Myriam Mitelman
Jean Paulhan: un guerriero notevole di Nathalie Georges-Lambrichs

SECONDA PARTE. LA GUERRA COME PARADIGMA DEL LEGAME SOCIALE. VERSO UNA NUOVA PSICOLOGIA DELLE MASSE

1. Freud: al cuore della guerra, la pulsione
1914-1918: laboratorio della psicoanalisi di Antonia Gueudar-Delahaye
Un trauma di guerra di Laura Sokolowsky
Spaventose inquietudini di Guy Briole
La pace è un delirio di Francis Ratier

2. Lacan: la guerra, una modalità di godimento
Dagli ideali agli oggetti: il nodo della guerra di Marie-Hélène Brousse
Dal patriottismo all’abuso di Bénédicte Jullien
Guerra, dittatura e regime di godimento nel franchismo di Antoni Vicens
Il maligno compiacimento di Ruth Yolanda Arciniega
Prigionieri di guerra: vegliare di notte di Gil Caroz
Restrepo
, o la guerra-sintomo in immagini di Jean-Pierre Klotz
Hatufim
, la guerra femminilizza di Sarah Abitbol

3. Modernità: oggetti di guerra
Flashmob, flashguerriglia di Jacques-Alain Miller
Occhio di guerra di Gérard Wajcman
I costi della guerra di Bertrand Lahutte
Postfazione: il discorso e il reale della guerra di Éric Laurent

Gli autori

Bibliografia

 

Marie-Hélène Brousse è psicoanalista a Parigi, membro dell’École de la Cause freudienne e dell’Associazione Mondiale di Psicoanalisi, presidente dell’Associazione Intervalle-Cap, maître de conférence all’Università, direttrice della rivista “Cultur/Clinic” (Università di Minnesota Press) e della rivista “La Cause du désir”.