Carmen Boullosa, Mike Wallace
Narcos del Norte
In libreria dal 16 novembre.
collana: Orizzonti geopolitici. Collana di distopie globali
anno di pubblicazione 2017

cartaceo 304 pp

9788878855250 18,00 €
aggiungi al carrello (cod: 9788878855250)

pdf 5.5 MB

9788878855267 8,99 €
aggiungi al carrello (cod: 9788878855267)

epub 3 MB

9788878855274 8,99 €
aggiungi al carrello (cod: 9788878855274)

anteprima non disponibile

«Questo è ciò che succederà a chiunque non capisca, il messaggio è destinato a tutti».
Ecco un minaccioso narcomanta, poche parole su un lenzuolo insanguinato, in una storia di giornalisti trucidati, cadaveri decapitati, horrorismo, scontri a fuoco e massacri: se tutto questo vi attira significa che la necropolitica funziona e in questo libro è spiegato perché.
Una narcostoria che apre il sipario sulla vicenda dei quarantatre studenti desaparecidos di Ayotzinapa e si snoda attraverso un secolo di proibizionismo armato in cui Stati Uniti e Messico insieme hanno costruito la politica della Guerra alle droghe, con lo scopo di controllare profitti del narcotraffico e popolazioni coinvolte al di qua e al di là del muro in costruzione.

To be continued…

PLATA O PLOMO.
Uno sguardo antropologico sul fenomeno del narcotraffico
di Ana Cristina Vargas

UNA NARCOSTORIA
di Carmen Boullosa e Mike Wallace

Introduzione. I Quarantatre
1. Dagli anni Dieci agli anni Trenta
2. Dagli anni Quaranta agli anni Cinquanta
3. Gli anni Sessanta e Settanta
4. Gli anni Ottanta
5. Il 1988
6. Gli anni Novanta
7. Dal 2000 al 2006
8. Il 2006
9. Dal 2006 al 2012
10. Il 2012
11. Dal 2012
12. Nuovi percorsi

NECROPOLITICA E NARCOCULTURA
L’horrorismo dell’aggressione neoliberista al mondo latinoamericano

Messico, Stati Uniti e la Guerra alle droghe: il neoliberismo e la necropolitica a dura prova
di Miguel Á. Cabañas

La Guerra alle droghe e la sua ideologia nel contesto latinoamericano
di Maurizio Mura

Carmen Boullosa è una scrittrice, poetessa e drammaturga messicana, attualmente insegna al City College di New York.
Il suo lavoro si concentra principalmente sugli studi di genere in Latinoamerica e sul Messico coloniale.Ha ottenuto premi prestigiosi e omaggi da giganti come Fuentes e Poniatowska, Bolaño e Mutis.
Divide l’esistenza tra Coyoacán, Città del Messico, dove ha gestito per anni El Cuervo, un teatro-bar attorno al quale ruotava la vita culturale messicana, e la convivenza a New York con Mike Wallace.


Mike Wallace è uno storico che insegna al John Jay College of Criminal Justice dell’Università di New York. La sua prima pubblicazione nel 1970 fu American Violence. A Documentary History, in cui stigmatizzava la violenza razziale e poliziesca.
Allargò l’ambito degli studi storici alle voci di donne, afroamericani e lavoratori, dirigendo la “Radical History Review”, arrivando poi a pubblicare Mickey Mouse History, un’analisi di come la narrazione popolare influenzi la conoscenza della storia collettiva americana.
Nel 1999 ha vinto il Premio Pulitzer per Gotham: A History of New York City to 1898, di cui nel 2017 è comparso il monumentale proseguimento Great Gotham: A History of New York City from 1898 to 1919.