R&S
R&S
Login

Seguici sui nostri social

Eventi

Novità

L’inconscio è la politica

AA.VV.

Philosophy and Literature

Carola Barbero, Micaela Latini

STUDI FRANCESI 187

AA.VV.

Ardeth #04

Carlo Olmo

L'essere e il genere

Clotilde Leguil

Raccontare l'omofobia in Italia

Luca Trappolin, Paolo Gusmeroli

Social

Marco Gatto
Glenn Gould. Politica della musica
collana: La critica sociale
anno di pubblicazione: 2014
cartaceo 160 pp

9788878852709 14,00 €
aggiungi al carrello (cod: 9788878852709)

Glenn Gould è ormai un’icona del Novecento. La sua immagine campeggia ovunque si parli o si discuta di musica, quasi alla stregua di un marchio registrato. Eppure la diffusione del mito rischia di rimuovere la profondità del musicista, così attento alle dinamiche sociali e politiche, addomesticando il suo messaggio di interprete negli stereotipi della società dell’estetizzazione diffusa. L’autore mette al centro della sua riflessione le questioni teoriche e politiche del lascito gouldiano, analizzando le registrazioni e gli scritti saggistici per costruire un discorso organico sulla sua idea di interpretazione musicale, e non manca di riflettere sull’influsso di Gould, soprattutto nelle opere di Edward W. Said sul fronte della critica culturale e di Thomas Bernhard su quello della letteratura. Si delinea il ritratto di un musicista sensibile a un’idea comunitaria di musica, che ha saputo anticipare un futuro in cui l’arte possa essere goduta e capita con l’attenzione necessaria. Gould si è realmente posto il problema della deriva culturale, provando a costruire soluzioni e a sperimentare pratiche di senso. Emerge un’estetica politica della musica, capace di far uscire la figura dell’artista fuori dai luoghi comuni che deturpano l’immagine di un pianista condannato a essere schiavo del consumismo culturale.

Prologo. In limine

Capitolo I. L’estetica al pianoforte
Il paradosso della purezza e la smaterializzazione di Glenn Gould. Tecnologia e umanesimo, filologia e montaggio. Il messaggio estetico, ovvero contro l’art pour l’art.

Capitolo II. Il suono materiale
L’allegoria dell’immagine mentale. Il sublime materiale. Il suono nella Storia.

Capitolo III. Dentro e fuori l’opera d’arte
Dettaglio e totalità. Il «caso» Mozart. La palestra delle Goldberg. Schönberg senza il Romanticismo.

Capitolo IV. Socialismo utopico?
La resistenza solitaria alla cultura di massa. L’utopia dell’Ascoltatore Partecipante.

Capitolo V. L’umanista-interprete. Edward W. Said legge Glenn Gould
L’alternativa musicale. Filologia, mondanità, contrappunto. Il valore oppositivo dello «stile tardo». Un intellettuale outsider.

Capitolo VI. Soccombere a Horowitz. Thomas Bernhard scrive Glenn Gould
La distorsione romanzesca e le sue verità. Una postilla. «Letteraturizzazione» e mitologia del consumo.

Epilogo. Contro il mito Glenn Gould
Postmodernità e nichilismo. Eredità e futuro.

Indice dei nomi

Marco Gatto è assegnista di ricerca presso l’Università della Calabria e compositore. Coltiva interessi che spaziano dalla teoria letteraria all’estetica, dalla critica della cultura alla musicologia. I suoi scritti sono stati pubblicati da Rubbettino, Mimesis, Quodlibet. Collabora con “il manifesto”.