R&S
R&S
Login

Seguici sui nostri social

Eventi

Novità

Mal d'Africa

Angelo Ferrari, Raffaele Masto

Ciao maschio

Giacomo Albert, Giulia Carluccio, Giulia Muggeo, Antonio Pizzo

Nel segno dell’essenziale

Davide Dal Sasso

Non solo lavoretti

Simone Carrà

Aree rurali in transizione oltre la crisi economica

Ester Cois

Turismo sostenibile e sistemi rurali locali

Pietro Pulina, Benedetto Meloni

Social

Marco Gatto
Glenn Gould. Politica della musica
collana: La critica sociale
anno di pubblicazione: 2014
cartaceo 160 pp

9788878852709 14,00 €
aggiungi al carrello (cod: 9788878852709)

Glenn Gould è ormai un’icona del Novecento. La sua immagine campeggia ovunque si parli o si discuta di musica, quasi alla stregua di un marchio registrato. Eppure la diffusione del mito rischia di rimuovere la profondità del musicista, così attento alle dinamiche sociali e politiche, addomesticando il suo messaggio di interprete negli stereotipi della società dell’estetizzazione diffusa. L’autore mette al centro della sua riflessione le questioni teoriche e politiche del lascito gouldiano, analizzando le registrazioni e gli scritti saggistici per costruire un discorso organico sulla sua idea di interpretazione musicale, e non manca di riflettere sull’influsso di Gould, soprattutto nelle opere di Edward W. Said sul fronte della critica culturale e di Thomas Bernhard su quello della letteratura. Si delinea il ritratto di un musicista sensibile a un’idea comunitaria di musica, che ha saputo anticipare un futuro in cui l’arte possa essere goduta e capita con l’attenzione necessaria. Gould si è realmente posto il problema della deriva culturale, provando a costruire soluzioni e a sperimentare pratiche di senso. Emerge un’estetica politica della musica, capace di far uscire la figura dell’artista fuori dai luoghi comuni che deturpano l’immagine di un pianista condannato a essere schiavo del consumismo culturale.

Prologo. In limine

Capitolo I. L’estetica al pianoforte
Il paradosso della purezza e la smaterializzazione di Glenn Gould. Tecnologia e umanesimo, filologia e montaggio. Il messaggio estetico, ovvero contro l’art pour l’art.

Capitolo II. Il suono materiale
L’allegoria dell’immagine mentale. Il sublime materiale. Il suono nella Storia.

Capitolo III. Dentro e fuori l’opera d’arte
Dettaglio e totalità. Il «caso» Mozart. La palestra delle Goldberg. Schönberg senza il Romanticismo.

Capitolo IV. Socialismo utopico?
La resistenza solitaria alla cultura di massa. L’utopia dell’Ascoltatore Partecipante.

Capitolo V. L’umanista-interprete. Edward W. Said legge Glenn Gould
L’alternativa musicale. Filologia, mondanità, contrappunto. Il valore oppositivo dello «stile tardo». Un intellettuale outsider.

Capitolo VI. Soccombere a Horowitz. Thomas Bernhard scrive Glenn Gould
La distorsione romanzesca e le sue verità. Una postilla. «Letteraturizzazione» e mitologia del consumo.

Epilogo. Contro il mito Glenn Gould
Postmodernità e nichilismo. Eredità e futuro.

Indice dei nomi

Marco Gatto insegna Teoria della letteratura presso l’Università della Calabria. Ha pubblicato i seguenti volumi: Fredric Jameson. Neomarxismo, dialettica e teoria della letteratura (2008), L’umanesimo radicale di Edward W. Said. Critica letteraria e responsabilità politica (2012), Marxismo culturale. Estetica e politica della letteratura nel tardo Occidente (2012), Glenn Gould. Politica della musica (2014), L’impero in periferia. Note di teoria, letteratura e politica (2015), Nonostante Gramsci. Marxismo e critica letteraria nell’Italia del Novecento (2016) e Resistenze dialettiche. Saggi di teoria della critica e della cultura (2018).