"Gentili lettori, viste le attuali disposizioni dovute all'emergenza sanitaria in corso, abbiamo ritenuto opportuno optare il più possibile per il telelavoro, riducendo all'essenziale il sistema di spedizioni interno.
Continueremo a offrirvi il servizio di spedizione, ma la consegna potrebbe subire ritardi rispetto al solito.
Vi chiediamo la cortesia di garantirci la vostra presenza a ricevere gli ordini anche per rispetto ai corrieri che in questo momento difficile continuano a svolgere il loro lavoro e, ove possibile, preferire l'acquisto dei formati digitali rispetto al cartaceo.
Certi della vostra comprensione vi auguriamo i nostri più sentiti saluti."

×
R&S
R&S
Login

Seguici sui nostri social

Eventi

Novità

Ardeth #05

Andrés Jaque

Adoviolenza

Paola Bolgiani, GRiM, Gruppo Ricerca Minori

Giocare con Winnicott

André Green

Smith Ricardo Marx Sraffa

Riccardo Bellofiore

Declinazioni del desiderio dello psicoanalista

Adele Succetti

Mal d'Africa

Angelo Ferrari, Raffaele Masto

Social

Scienza nuova. Mobilitazione, burocrazia, normativitàUn dialogo tra Maurizio Ferraris e Gianluca Cuozzo
a cura di:
Angela Condello, Ernesto Sferrazza Papa

collana: Scienza nuova
anno di pubblicazione: 2019
cartaceo pp

9788878857872 12,00 €
aggiungi al carrello (cod: 9788878857872)
pdf 597.1 KB

9788878857889 GRATIS
aggiungi al carrello (cod: 9788878857889)
epub 185.8 KB

9788878857896 GRATIS
aggiungi al carrello (cod: 9788878857896)

“Mentre lo scorpione della favola di Esopo può giustificare il fatto di pungere la rana che sta traghettandolo sulla propria schiena dicendo “è la mia natura”, nessun umano potrà mai fare nulla di simile. Il gesto dello scorpione è irricevibile sia perché è moralmente deplorevole (ammazzare la rana non è un bel modo per ricambiarne la generosità) sia perché è economicamente folle, trattandosi di una scelta in cui entrambi perderanno la vita. Essere umani non necessariamente significa chiedere a Dio “rimetti a noi i nostri debiti così come noi li rimettiamo ai nostri debitori” (una preghiera, la sola attribuita a Cristo, in cui la grazia divina è chiamata a prendere modello dai rapporti tra debitori e creditori); né richiede per forza di cose che il modello essenziale della giustizia consista in un concordato fiscale tra ciò che si deve a Cesare e ciò che si deve a Dio.

Queste saranno magari delle peculiarità del cristianesimo. Resta che abbiamo irrefutabili testimonianze del fatto che all’inizio non era il Verbo come parola, ma il Logos come rapporto, come relazione di equivalenza, e in particolare come debito e credito.”

(Dall’intervento di Maurizio Ferraris)