"Gentili lettori, viste le attuali disposizioni dovute all'emergenza sanitaria in corso, abbiamo ritenuto opportuno optare il più possibile per il telelavoro, riducendo all'essenziale il sistema di spedizioni interno.
Continueremo a offrirvi il servizio di spedizione, ma la consegna potrebbe subire ritardi rispetto al solito.
Vi chiediamo la cortesia di garantirci la vostra presenza a ricevere gli ordini anche per rispetto ai corrieri che in questo momento difficile continuano a svolgere il loro lavoro e, ove possibile, preferire l'acquisto dei formati digitali rispetto al cartaceo.
Certi della vostra comprensione vi auguriamo i nostri più sentiti saluti."

×
R&S
R&S
Login

Seguici sui nostri social

Eventi

Novità

Ardeth #05

Andrés Jaque

Adoviolenza

Paola Bolgiani, GRiM, Gruppo Ricerca Minori

Giocare con Winnicott

André Green

Smith Ricardo Marx Sraffa

Riccardo Bellofiore

Declinazioni del desiderio dello psicoanalista

Adele Succetti

Mal d'Africa

Angelo Ferrari, Raffaele Masto

Social

Filippo Barbera, Roberto Di Monaco, Silvia Pilutti, Elena Sinibaldi
Dall’alto in bassoImprenditorialità diffusa nelle terre alte piemontesi
collana: Sviluppo e territori
anno di pubblicazione: 2019
cartaceo 208 pp

9788878857902 16,00 €
aggiungi al carrello (cod: 9788878857902)
pdf 1.9 MB

9788878857919 4,99 €
aggiungi al carrello (cod: 9788878857919)

La montagna conosce oggi una nuova centralità. Le narrazioni sulla montagna come “nuova frontiera” e sui “nuovi montanari” come eroi romantici occupano spesso le cronache dei media. Tali narrazioni, però, celano una visione urbano-centrica e non riconoscono alla montagna un ruolo produttivo e generativo di ricchezza economica.
In parallelo, le politiche pubbliche faticano, quando non negano esplicitamente, le peculiarità del tessuto produttivo montano, tutte schiacciate sulle priorità e caratteristiche delle imprese di pianura.
Ciò è paradossalmente vero nel caso di una regione dove la montagna occupa – fin dal nome – un ruolo importante, ma la cui struttura produttiva (agrosilvopastorale con importanti dimensioni di multifunzionalità) è lasciata ai margini dell’intervento pubblico: il Piemonte.
Le piccole imprese di montagna della filiera agrosilvopastorale sono al centro di questo libro, che vuole contribuire a ricostruire in modo scientifico e rigoroso le peculiarità delle imprese, delle imprenditrici e degli imprenditori (nuovi e vecchi) che si cimentano nella difficile impresa di “fare impresa” nelle Alte Terre piemontesi, creando ricchezza e prendendosi cura di un territorio prezioso e, troppo spesso, dimenticato.

Introduzione

1. I numeri della montagna
1. Potenziale di sviluppo della montagna in Piemonte
2. La struttura del territorio montano: altimetria, orografia e distanze dai poli e dagli assi di sviluppo
3. Il profilo demografico e le tendenze nelle aree montane
4. Specializzazioni e assetti delle imprese agro-silvo-pastorali montane
5. Il profilo di specializzazione delle valli piemontesi
6. Il potenziale: margini di sviluppo dei territori e delle attività

2. Vivere e lavorare in montagna
1. Le valli Cuneesi e la Val Pellice
2. Le valli Biellesi
3. Le valli di Lanzo

3. Dai problemi alle soluzioni: linee guida per l’innovazione nelle politiche per la montagna
1. Un piano strategico per la montagna piemontese: ricognizione e analisi
2. Proposte e azioni per un piano di intervento

Conclusioni

Bibliografia