R&S
R&S
Login

Seguici sui nostri social

Eventi

Novità

passione/passioni

AA.VV.

Varia

AA.VV.

cultural exclusion and frontier zones

Alexander Chertenko, Zhanna Nikolaeva, Sergey Troitskiy

STUDI FRANCESI 184

AA.VV.

Trans-migrazioni

Emanuela Abbatecola

Le possibilità del futuro

Nicolò Bellanca

Social

Andrea Segrè
Spreco
collana: Gemme
anno di pubblicazione: 2014
cartaceo 128 pp

9788878852501 9,50 €
aggiungi al carrello (cod: 9788878852501)
pdf 2.4 MB

9788878852655 4,99 €
aggiungi al carrello (cod: 9788878852655)
epub 202.1 KB

9788878852853 4,99 €
aggiungi al carrello (cod: 9788878852853)

Lo spreco – di cibo, di acqua, di energia, di suolo, di denaro, di tempo, di vite – è una straordinaria occasione per superare la crisi che sta strangolando la nostra società. Bisogna però fare presto, prima che le crescenti disuguaglianze diventino irreversibili. Si può lavorare sulla parola: SPR diventa il negativo, ECO il positivo. Da una parte riduciamo l’eccesso, dall’altra facciamo durare nel tempo quello che è già stato prodotto. Se la casa piccola (eco-nomia) imparerà a rispettare i limiti della casa grande (eco-logia) mangeremo tutti e tutto.

Perché spreco?
Primo, non sprecare
Cos’è lo spreco?
Cosa, chi e perché spreco?
I grandi spreconi
I piccoli spreconi
Cosa “resta” dello spreco?
E gli altri?
Ma allora cos’è lo spreco?
La dieta sprecata
Cosa si fa (e farà) in Italia?
Un anno contro lo spreco
Da dove (ri)partire?
Non spreco più: la casa grande
Non spreco più: la casa piccola
Il (vero) valore dello spreco
Sprecare o mangiare?
Nuove gemme
Per approfondire
Sitografia

Andrea Segrè è fondatore di Last Minute Market, spin off dell’Università di Bologna dove insegna politica agraria internazionale e comparata e dirige il dipartimento di scienze e tecnologie agroalimentari. Ha ideato la campagna europea “Un anno contro lo spreco”. Coordina PINPAS, il Piano nazionale per la prevenzione degli sprechi alimentari.
Ha scritto questa GEMMA per mostrare che restituendo valore al cibo possiamo mangiare il meglio e il giusto.