R&S
R&S
Login

Seguici sui nostri social

Eventi

Novità

Il trono di sabbia

Paolo Ceri, Alessandra Lorini

La costruzione del nemico

Petar Bojanić, Giuliano Torrengo, Samuele Iaquinto

empirical evidence and philosophy

Riccardo Bellofiore, Francesco Garibaldo, Mariana Mortágua

Euro al capolinea?

Nicola Pedde

1979 rivoluzione in Iran

Olivier Belin, Catherine Mayaux, Anne Verdure-Mary

Bibliothèques d’écrivains

Social

Jean-Luc Nancy
Intorno a Jean-Luc Nancy
a cura di:
Ugo Perone

collana: Scuola di Alta Formazione Filosofica
anno di pubblicazione: 2012
cartaceo 152 pp

9788878851375 16,00 €
aggiungi al carrello (cod: 9788878851375)

Intorno a Jean-Luc Nancy è una sorta di volume filosofico interattivo: si trovano un saggio inedito del celebre autore francese, Che cos’è il collettivo, preparato per la Scuola di Alta Formazione Filosofica di Torino, e gli scritti frutto della discussione seminariale intorno alle sue intuizioni. I saggi del volume attraversano l’ontologia e la filosofìa politica di Nancy, ne discutono la filosofia della religione e la concezione della corporeità, mettendole a confronto con le argomentazioni di altri autori, e in particolare con Derrida. Queste pagine costituiscono una stimolante documentazione dell’influenza di Nancy anche al di fuori della più ristretta cerchia della sua scuola, rendendo accessibile a un uditorio più vasto le chiavi di lettura per comprendere una delle impostazioni più innovative nel panorama filosofico contemporaneo.

Ugo Perone, Introduzione
Sigle

Parte prima. Politica
Jean-Luc Nancy, Che cos’è il collettivo?
Erika Marcantonio, Comunità e co-esistenza
Alessandro Esposito, Variazioni sul politico in Jean-Luc Nancy
Matías L. Saidel, Dis-chiusura della sovranità teologico-politica in Jean-Luc Nancy: verso la sovranità del «con»
Marco Saveriano, Individuo corpo soggetto in Jean-Luc Nancy. Un’argomentazione minima
Ignazio Torres, La bonne finitude: corpo, senso, comunità. Un approccio politico

Parte seconda. Decostruzione del cristianesimo
Daniela Calabrò, L’immemorabile: la decostruzione del cristianesimo nel luogo della Visitazione
Giuseppina Gualtieri, Il rito dell’antropogenesi: Ego Sum
Stefano Micali, La decostruzione ellittica del Cristianesimo di Jean-Luc Nancy

Parte terza. Corpo
Marco Vozza, Jean-Luc Nancy e la filosofia del corpo
Igor Pelgreffi, Il corpo-teatro fra Nancy e Derrida

Parte quarta. Confronti
Giuseppe Bornino, Cogito diventa imago: lo statuto plurale dell’arte da Nietzsche a Nancy
Antonio Lucci, Al cuore della tecnica: Nancy e Stiegler
Alberto Romele, Interior intimo… La decostruzione di Agostino tra Heidegger e Nancy
Giovanbattista Tusa, La questione ultima: il tema del sacrificio tra Derrida e Nancy
Patrizia Cecala, Guerra, sovranità, responsabilità. Una riflessione con Nancy e Derrida
Claudio Tarditi, Intersoggettività e pluralità in Jean-Luc Nancy: un approccio fenomenologico

Parte quinta. Comunicazione
Diego Giordano, A partire da Jean-Luc Nancy. Note sulla comunicazione

Jean-Luc Nancy (1940), filosofo, è uno degli esponenti di punta del decostruzionismo insieme a Jacques Derrida. Si è occupato in particolare di politica, estetica e arte, collaborando con registi e artisti di fama internazionale e insegnando in università europee e americane.


Ugo Perone è un filosofo e uomo politico italiano. Laureatosi in Filosofia teoretica con L. Pareyson nel 1967, ha insegnato presso le università di Torino, Roma “Tor Vergata” e del Piemonte Orientale, dove dal 2005 è direttore del Dipartimento di Studi Umanistici. Dopo aver soggiornato a lungo in Germania (Monaco, Friburgo, Berlino), dal 2001 al 2003 ha diretto l’Istituto italiano di cultura a Berlino. Nel 2006 ha fondato la Scuola di Alta Formazione Filosofica (SdAFF) di cui è direttore. È presidente dell’Associazione Italiana per gli Studi di Filosofia e Teologia (AISFET) e membro del direttivo nazionale della Società Filosofica Italiana (SFI), nonché Senior Fellow del Collegium Budapest. Ha tenuto conferenze nelle principali università italiane e straniere e ha all’attivo numerose pubblicazioni su studi di carattere storiografico, tra queste si ricordano Schiller: la totalità interrotta (1982), Modernità e memoria (1987), Nonostante il soggetto (1995), Il presente possibile (2005), La verità del sentimento (2008). Tra i numerosi libri che ha curato si ricorda Filosofia dell’avvenire (2010).