R&S
R&S
Login

Seguici sui nostri social

Eventi

Novità

Philosophy and Literature

Carola Barbero, Micaela Latini

STUDI FRANCESI 187

AA.VV.

Ardeth #04

Carlo Olmo

L'essere e il genere

Clotilde Leguil

Raccontare l'omofobia in Italia

Luca Trappolin, Paolo Gusmeroli

Inadatti al futuro

Ingmar Persson, Julian Savulescu

Social

Jean-Luc Nancy
Intorno a Jean-Luc Nancy
a cura di:
Ugo Perone

collana: Scuola di Alta Formazione Filosofica
anno di pubblicazione: 2012
cartaceo 152 pp

9788878851375 16,00 €
aggiungi al carrello (cod: 9788878851375)

Intorno a Jean-Luc Nancy è una sorta di volume filosofico interattivo: si trovano un saggio inedito del celebre autore francese, Che cos’è il collettivo, preparato per la Scuola di Alta Formazione Filosofica di Torino, e gli scritti frutto della discussione seminariale intorno alle sue intuizioni. I saggi del volume attraversano l’ontologia e la filosofìa politica di Nancy, ne discutono la filosofia della religione e la concezione della corporeità, mettendole a confronto con le argomentazioni di altri autori, e in particolare con Derrida. Queste pagine costituiscono una stimolante documentazione dell’influenza di Nancy anche al di fuori della più ristretta cerchia della sua scuola, rendendo accessibile a un uditorio più vasto le chiavi di lettura per comprendere una delle impostazioni più innovative nel panorama filosofico contemporaneo.

Ugo Perone, Introduzione
Sigle

Parte prima. Politica
Jean-Luc Nancy, Che cos’è il collettivo?
Erika Marcantonio, Comunità e co-esistenza
Alessandro Esposito, Variazioni sul politico in Jean-Luc Nancy
Matías L. Saidel, Dis-chiusura della sovranità teologico-politica in Jean-Luc Nancy: verso la sovranità del «con»
Marco Saveriano, Individuo corpo soggetto in Jean-Luc Nancy. Un’argomentazione minima
Ignazio Torres, La bonne finitude: corpo, senso, comunità. Un approccio politico

Parte seconda. Decostruzione del cristianesimo
Daniela Calabrò, L’immemorabile: la decostruzione del cristianesimo nel luogo della Visitazione
Giuseppina Gualtieri, Il rito dell’antropogenesi: Ego Sum
Stefano Micali, La decostruzione ellittica del Cristianesimo di Jean-Luc Nancy

Parte terza. Corpo
Marco Vozza, Jean-Luc Nancy e la filosofia del corpo
Igor Pelgreffi, Il corpo-teatro fra Nancy e Derrida

Parte quarta. Confronti
Giuseppe Bornino, Cogito diventa imago: lo statuto plurale dell’arte da Nietzsche a Nancy
Antonio Lucci, Al cuore della tecnica: Nancy e Stiegler
Alberto Romele, Interior intimo… La decostruzione di Agostino tra Heidegger e Nancy
Giovanbattista Tusa, La questione ultima: il tema del sacrificio tra Derrida e Nancy
Patrizia Cecala, Guerra, sovranità, responsabilità. Una riflessione con Nancy e Derrida
Claudio Tarditi, Intersoggettività e pluralità in Jean-Luc Nancy: un approccio fenomenologico

Parte quinta. Comunicazione
Diego Giordano, A partire da Jean-Luc Nancy. Note sulla comunicazione

Jean-Luc Nancy (1940), filosofo, è uno degli esponenti di punta del decostruzionismo insieme a Jacques Derrida. Si è occupato in particolare di politica, estetica e arte, collaborando con registi e artisti di fama internazionale e insegnando in università europee e americane.


Ugo Perone è un filosofo e uomo politico italiano. Laureatosi in Filosofia teoretica con L. Pareyson nel 1967, ha insegnato presso le università di Torino, Roma “Tor Vergata” e del Piemonte Orientale, dove dal 2005 è direttore del Dipartimento di Studi Umanistici. Dopo aver soggiornato a lungo in Germania (Monaco, Friburgo, Berlino), dal 2001 al 2003 ha diretto l’Istituto italiano di cultura a Berlino. Nel 2006 ha fondato la Scuola di Alta Formazione Filosofica (SdAFF) di cui è direttore. È presidente dell’Associazione Italiana per gli Studi di Filosofia e Teologia (AISFET) e membro del direttivo nazionale della Società Filosofica Italiana (SFI), nonché Senior Fellow del Collegium Budapest. Ha tenuto conferenze nelle principali università italiane e straniere e ha all’attivo numerose pubblicazioni su studi di carattere storiografico, tra queste si ricordano Schiller: la totalità interrotta (1982), Modernità e memoria (1987), Nonostante il soggetto (1995), Il presente possibile (2005), La verità del sentimento (2008). Tra i numerosi libri che ha curato si ricorda Filosofia dell’avvenire (2010).