R&S
R&S
Login

Seguici sui nostri social

Eventi

Novità

Ardeth #04

Carlo Olmo

L'essere e il genere

Clotilde Leguil

Raccontare l'omofobia in Italia

Luca Trappolin, Paolo Gusmeroli

Inadatti al futuro

Ingmar Persson, Julian Savulescu

La parole de Montaigne

Jean Balsamo

La via dell'immortalità

Franco Ferrari

Social

Maria Luisa Altieri Biagi
Parola

GEMME

collana: Gemme
anno di pubblicazione: 2012
cartaceo 128 pp

9788878851528 9,50 €
questo prodotto al momento non è acquistabile
pdf 1.5 MB

9788878851771 4,99 €
aggiungi al carrello (cod: 9788878851771)
epub 265.5 KB

9788878851764 4,99 €
questo prodotto al momento non è acquistabile

Credo nell’importanza della parola: non per conquistare il potere (efficacissimo lo strumento; troppo faticoso il risultato) ma per realizzare forme di pensiero e di immaginazione che riscattino dai percorsi quotidiani in cui si incanala e talvolta si incaglia la vita, anche nei casi più fortunati (cioè quando questa si svolge normalmente, evitando i trabocchetti della sorte o del caso).

Volume I Perché Parola? Un ponte tra traccia visibile e cosa invisibile «Non esiste potere più alto… » «Padroni del merluzzo e delle salsicce» Scusi, onorevole: che cosa pensa di Stendhal? L’«imbecille onnipotente» «Sarò conciso e lapideo… » «Eradicazione ceppi» Primo: conquistare l’esattezza Leggendo Calvino… Che lingua farà, domani? Parliamo già europeo, «senza saperlo»? «Dietro ogni parola si nasconde un mondo» Nascita di «parola» Carnevale, posta e credenza «Carnevale» Un mobile chiamato «credenza» Una «porzione di stelle» Un aggettivo ricco di storia: «gentile» Preziose parole ingiallite «… e risa di maschere che fuggivano a frotte» Creatività e selezione Commiato Per approfondire Volume II Questo libro che non è un libro

Maria Luisa Altieri Biagi è linguista, studiosa di grammatica, storia della lingua italiana e didattica dell’italiano.
Ha pubblicato numerosi saggi e testi didattici. Allieva di Giacomo Devoto e Bruno Migliorini, ha insegnato nelle università di Cagliari, Trieste e Bologna. È accademica emerita dell’Accademia della Crusca e dell’Accademia delle Scienze di Bologna. Ha scritto questa GEMMA per raccontare quanto la parola sia decisiva per dare forma al pensiero e all’immaginazione