R&S

L'articolo è stato aggiunto al tuo carrello

12,50
aggiungi al carrello (cod: 9788878857735)
cartaceo, ISBN 9788878857735
4,49
aggiungi al carrello (cod: 9788878857742)
PDF 1.5 MB, ISBN 9788878857742
4,49
aggiungi al carrello (cod: 9788878856899)
EPUB 329 KB, ISBN 9788878856899
Ana Cristina Vargas
Colombia Antropologia di una guerra interminabile
collana Terreni di confronto
anno di pubblicazione 2019
pp. 160
ISBN cartaceo 9788878857735
ISBN pdf 9788878857742
ISBN epub 9788878856899

Un’agile lettura antropologica delle vicende recenti e dell’attuale situazione della realtà colombiana, un caso di studio con peculiarità di grande interesse, conosciuto in Italia in modo assai superficiale.
Dalla genesi del conflitto (cinquantadue anni di guerra;  più di otto milioni di vittime registrate ufficialmente; quasi un milione di vittime di omicidio; sette milioni di profughi interni;
centosessantaquattromila desaparecidos; più di trentatremila sequestri...) alla sua lettura e alla sua memoria (“nel” e “del” conflitto), toccando i temi della persistenza della violenza, del movimento popolare, della “guerra sporca”, del narcotraffico e della narcocultura, del paramilitarismo, della necropolitica.
Fino alla firma degli accordi del 2016, celebrati con un grande macchinario simbolico ma bocciati dal successivo referendum.
Una vicenda “interminabile” in cui le rappresentazioni si intrecciano indissolubilmente con gli eventi della storia e della cronaca.


Ana Cristina Vargas, nata in Colombia, insegna antropologia culturale e antropologia medica presso l’Università di Torino. Ha una lunga esperienza di ricerca sul campo in Italia, Colombia e in altri paesi latinoamericani. 

Introduzione

I. Una guerra interminabile

II. La genesi del conflitto

III. Un laboratorio politico

IV. Narcotraffico e paramilitarismo

V. La memoria di una guerra interminabile

VI. Violenza e soggettività

Bibliografia

Instagram INSTAGRAM